Le fasi psicologiche della gravidanza: come cambia la donna di trimestre in trimestre

Ecco anche qui sul blog il mio articolo pubblicato tempo fa sulla rivista dedicata ai genitori “Nascere Mamma”. Buona lettura!

I nove mesi di gestazione sono testimoni per la donna di profondi cambiamenti sia a livello fisiologico che emotivo: dal punto di vista corporeo, il fisico si prepara ad accogliere e fare crescere l’embrione e il feto, divenendo un ambiente protettivo per il corretto sviluppo che porterà poi alla nascita del bambino. Parallelamente avvengono tutta una serie di mutamenti psicologici, i quali concorrono a preparare la madre a prendersi cura in modo adeguato e amorevole del proprio piccolo.

Esiste un vero e proprio TEMPO DELLA GRAVIDANZA, un periodo molto importante durante il quale la donna incinta attraversa diverse fasi psicologiche che differiscono a seconda del periodo di gestazione in cui si trova.

IL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

Durante i primi tre mesi (intorno alle prime tredici settimane) la donna vive la necessità di un assestamento di fronte alla notizia di aspettare un figlio. È possibile e frequente attraversare momenti di ansia, anche perché si verificano mutamenti rapidi dal punto di vista fisiologico e ormonale che causano veri e propri disturbi fisici (stanchezza, nausea, sbalzi repentini di umore); inoltre, questa fase è particolarmente delicata per il frequente rischio di interruzioni spontanee di gravidanza. La coppia tende a non condividere ancora la notizia con parenti e amici, per paura che il sogno di diventare genitori svanisca. Il corpo non dà ancora segnali della vitalità e presenza del feto e questo è spesso fonte di agitazione e timore da parte delle future mamme (crescerà bene? Avrà malattie genetiche? Riuscirò a portare a termine la gravidanza?). Non bisogna mai stancarsi di sottolineare come tutti questi Dubbi e paure siano legittimi e comprensibili, per questo è importante affidarsi ad uno staff medico e ostetrico di fiducia che possa accompagnare la donna lungo tutto il percorso, in un clima di accoglienza e privo di giudizio.

IL SECONDO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA                              

Questo periodo viene di solito considerato come il più bello della gravidanza: cessano le nausee e la stanchezza, la donna ritrova vitalità ed energia e può rasserenarsi circa l’eventualità di aborto spontaneo, che diminuisce sensibilmente. È il momento di condividere la propria gioia con gli altri e permettersi finalmente di pensare alla realtà di diventare mamma e papà.

Mentre la vita sessuale della coppia risulta spesso inibita durante il primo trimestre per paura di nuocere all’embrione, a partire dalla tredicesima settimana è possibile ritrovare una maggiore intimità tra i partner. Questo è un periodo importante anche per i papà: la donna comincia a sentire dentro di sé il suo piccolo, ne avverte i movimenti e i piccoli calcetti e il partner partecipa insieme a lei a questo evento, parlando con il bambino attraverso la pancia, accarezzandolo e coccolandolo pur se non ancora fisicamente presente tra loro. Si forma il primo legame psicologico materno e paterno con il proprio figlio, dato proprio dai primi movimenti e segnali di esistenza del figlio percepiti dai genitori (quella che viene chiamata “comunicazione intrauterina”).

IL TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

Inizia alla ventottesima settimana ed è l’ultimo tratto del percorso, durante il quale il corpo femminile si prepara all’evento del parto mentre continua la crescita del bambino. Si tratta di un periodo particolarmente faticoso: la donna è ormai stanca, il pancione sposta il suo baricentro e le rende difficile camminare o muoversi, spesso ha mal di schiena e fa fatica a dormire. La stanchezza non è solo fisica, ma anche emotiva: ormai manca poco e i genitori sono impazienti di conoscere il loro piccolo, sul quale hanno fantasticato per lungo tempo. Infatti, durante la gravidanza la mente dei genitori ha costruito un’immagine del bambino ideale, che si scontrerà inevitabilmente con il bambino reale che nascerà da lì a poco. Questo può portare sconvolgimenti, tanto più marcati quanto più le fantasie dei genitori non troveranno riscontro nel bambino appena nato. La donna attraversa emozioni e stati d’animo altalenanti, in cui l’entusiasmo di conoscere finalmente il proprio bambino si scontra con la paura ed i timori legati all’esperienza del parto.

Partorire: che paura!

L’esperienza del parto viene vissuta in modi diversi dalle diverse donne: alcune lo considerano il momento culmine ed integrante dell’intero percorso della gravidanza, che le ha portate a conoscere finalmente il proprio bambino. Per altre, al contrario, vivere l’attesa di quel giorno è fonte di grande ansia e paura.

I timori più frequenti legati al parto sono molteplici e vanno dal temere il dolore fisico fino alla paura di perdere il controllo del proprio corpo. Alcune sono terrorizzate dall’idea di venire ospedalizzate, mentre per altre prende forma l’immagine del proprio corpo trasformato e lacerato.

Cosa può aiutare?

Sicuramente è fondamentale e di grande supporto partecipare ai corsi  preparto organizzati all’interno dell’ospedale: disporre di un tempo psicologico di preparazione all’evento e di nozioni pratiche utili a calmare l’angoscia aiuta sicuramente ad arrivare più consapevoli e preparate a questo fondamentale momento e fa sì che, anche attraverso il confronto e il dialogo con altre donne nella stessa situazione, la paura diminuisca notevolmente. C’è poi un ulteriore elemento in grado di fare la differenza, ovvero l’avere accanto un partner attento, disponibile all’ascolto, empatico e non giudicante.

A proposito del papà…

È importante ricordare che l’esperienza della gravidanza coinvolge emotivamente il padre tanto quanto la madre, pur se in modo diverso. È fondamentale quindi che il futuro papà si senta protagonista attivo di questo evento e sia coinvolto dalla propria compagna.

I nove mesi sono un tempo privilegiato per la coppia per riflettere su se stessi, riconsiderare i propri modelli genitoriali, stabilire i nuovi progetti e le priorità.

In bocca al lupo e tanti auguri ai nuovi genitori!

 

Sei un neogenitore e hai bisogno di un supporto per capire come gestire al meglio il tuo piccolo? Alcuni comportamenti del tuo bambino ti preoccupano e vorresti il parere di un esperto? Nello studio di Psicologia mi occupo di genitorialità ed infanzia. Puoi contattarmi per una consulenza iniziale scrivendo sulla pagina www.psicologiagarbagnate.it o inviandomi un messaggio a info@genitorifelici.info

Continua

Giulia Telli di Mammachelibro intervistata dal blog GenitoriFelici: parliamo di lettura

Oggi sono davvero felice di poter pubblicare questo nuovo contributo sul blog, visto che ho il piacere di ospitare in questo spazio una ragazza diventata una cara amica, che mi ha colpito non solo per la sua bravura e professionalità, ma soprattutto per la sua disponibilità e dolcezza. Sto parlando di Giulia Telli, curatrice del blog mammachelibro, in cui offre spunti sempre molto interessanti riguardo la genitorialità e il mondo dei bambini. In particolare, Giulia scrive con interesse e competenza dei libri che utilizza per favorire la crescita dei suoi figli: le sue recensioni sono da non perdere!

Visto che su GenitoriFelici pensiamo che la lettura sia un’elemento imprescindibile per favorire la crescita e lo sviluppo armonico dei nostri bambini, chi meglio di Giulia può spiegarci,  proprio dal punto di vista di una mamma, il perché ha deciso di parlare proprio di libri sul suo blog, cosa ama della lettura e quali consigli si sente di dare ai genitori per scegliere un libro e condividere questo momento con i propri bambini? Al termine dell’articolo troverete anche utili suggerimenti per iniziare a crearvi una “piccola libreria personale” attraverso cui invogliare i vostri piccoli all’amore per la lettura.

Vi lascio quindi all’intervista e ne approfitto per ringraziare nuovamente Giulia per avere accettato di condividere i suoi pensieri qui sul blog.   Buona lettura!

  • Ciao Giulia, come è nato il tuo amore per la lettura? Perché ti piace leggere?

Ciao Paola, la mia passione è nata sin da piccola, sono figlia di un Art Director e di una grafica quindi in casa mia sono girati sempre molti libri di ogni genere, ma soprattutto quelli di noti illustratori. E visto che mio padre era un’artista e ha fatto anche l’illustratore, potrei dire che questa passione me l’ha trasmessa lui. Inoltre, anche io ho la passione per il disegno, non ho fatto studi artistici perché ho fatto il liceo classico e poi ho studiato Beni Culturali, però ho sempre disegnato ugualmente seguendo un po’ le tracce di mio padre. Diciamo quindi che la mia passione è da sempre l’arte nelle sue diverse forme, tra cui l’illustrazione. Diventando mamma questa passione si è trasformata e ha “virato” sull’albo illustrato dedicato all’infanzia.

  • Da dove nasce il blog mammachelibro?

Il blog nasce perché personalmente i libri mi hanno arricchito molto e penso sia un valore più che nobile da trasmettere ai nostri figli. Inoltre, in Italia, i lettori sono pochissimi, siamo tra i paesi che leggono meno. Quindi provare, nel mio piccolo, a essere utile in questo senso appassionando le generazioni di domani alla lettura, mi è sembrato un motivo valido per aprire un blog.  Il blog nasce non solo dalla volontà di far conoscere ad altri genitori, insegnanti, educatori e appassionati del settore degli albi illustrati di qualità, ma anche con l’intento di fornire strumenti pratici per aiutare i bambini a sviluppare la loro unicità, grazie alla ricerca scientifica: nei miei articoli, infatti, presento anche molti libri di stampo psico-educativo. I libri pedagogici che recensisco, così come gli albi illustrati, sono comunque sempre stati “testati” prima su di me e i miei figli nella mia vita da mamma di tutti i giorni. Ho sempre pensato che condividere esperienze riuscite, ma anche fallimenti, possa essere d’aiuto ad altri genitori che, come me, cercano di migliorarsi giorno dopo giorno, imparando dai propri errori.

  • Come scegli i libri da leggere ai tuoi figli o da recensire sul tuo blog? Che caratteristiche deve avere un buon libro per bambini?

Un albo illustrato per catturarmi deve avere delle belle illustrazioni(e ovviamente si aprirebbe qui un capitolo a parte sui criteri più “tecnici” e di gusto personale che adotto per stabilire se delle illustrazioni mi piacciono oppure no), un contenuto di valore che possa veicolare un messaggio interessante, capace di stimolare la curiosità del lettore o toccare corde magari ancora inesplorate. Sui contenuti ci sono ovviamente diversi livelli di interpretazione, cerco di variare perché reputo importante far conoscere un albo con un contenuto di spessore, ma anche un libro che magari non affronta un tema specifico ma che è ugualmente in grado di arricchire il lettore aprendo nuove prospettive da cui guardare il mondo.

Anche perché, tra l’altro, c’è il boom di libretti didascalici “a tema” e che personalmente non amo molto.  Non ci sono libri “ricetta” per risolvere qualsiasi problema, anche perché penso che un buon libro nasca dall’intima esigenza del suo autore di comunicare qualcosa e non di assecondare la richiesta del mercato.  Penso che l’albo illustrato sia una forma d’arte e, come ogni arte che si rispetti, è migliore quando è autentica e non inquinata dalle tendenze del momento. Inoltre, ritengo debba esserci una sintonia tra testo e immagini: le immagini non devono sottolineare quello che già il testo mi dice ma essere capace di andare “oltre”. Oppure, può capitare che i due linguaggi, quello delle immagini e quello del testo scritto, si facciano da “contrappunto” offrendo al lettore anche due punti di vista differenti della medesima storia.

Se parliamo invece di un libro senza parole e senza testo ma di sole immagini, quindi un silent book, ci sono altri criteri da “rispettare” e, in ogni caso, quello che devo vedere è l’autonomia narrativa dell’immagine. Il testo c’è ma trova il suo compimento massimo nell’illustrazione.

  • A che età hai iniziato a leggere ai tuoi bambini? Viene coinvolto anche il papà nella lettura?

Il mio consiglio è di iniziare a leggere o a raccontare storie ai bambini sin da quando sono nella pancia della mamma. Quindi direi che ai miei figli ho iniziato a leggere da subito. Sì, con il papà cerchiamo di alternarci: una sera magari legge lui la favola della buonanotte, una sera io.

  • Perché secondo te è importante leggere libri ai bambini? + 6) Perché leggere ad alta voce?

rispondo con questo articolo del mio blog sia alla domanda 5 sia alla domanda 6:

https://www.mammachelibro.com/importanza-lettura-ad-alta-voce/

Aggiungo che leggere è importante perché “un bambino che legge sarà un adulto che pensa”. L’albo illustrato è uno strumento unico di educazione dello sguardo, e rappresenta – se ben scelto – la prima galleria d’arte che il bambino visiterà. Come genitori, ci sforziamo in ogni modo di stimolare la creatività dei nostri figli. Tuttavia, spesso, non ci rendiamo conto che la via più semplice e di facile accesso per raggiungere questo scopo è rappresentata dal dare loro tra le mani un albo illustrato di qualità e condividere insieme questa esperienza.  Gli altri buoni motivi per leggere ai bambini, se volete, li potete trovare nel mio e-book gratuito “10 suggerimenti per far amare la lettura ai bambini (senza forzature)” che potete scaricare a questo link:

https://www.mammachelibro.com/10-consigli-far-amare-lettura-bambini/.

  • Di solito quando leggi ai tuoi bambini? Hai dei rituali o dei momenti dedicati destinati alla lettura?

A volte capita di leggere anche durante il giorno, altrimenti il momento dedicato alla lettura è senza dubbio la sera. Ogni sera, dopo essersi lavati i denti, ognuno sceglie un libro a testa da farsi leggere e poi ci mettiamo ai piedi del letto, sul tappeto in mezzo ai cuscini, a leggerlo insieme. Terminata la lettura ognuno va nel suo letto.

Come spiego nel mio e-book “associare il rituale della lettura della buona notte a un momento speciale trasformandolo in una esperienza capace di attivare tutti i sensi contemporaneamente: l’olfatto e il gusto (il profumo e il sapore della bevanda calda preferita), la vista (la luce calda e soffusa della abat jour accanto al letto che ci prepara al buio della sera) il tatto (il morbido del piumone in inverno o la leggerezza delle lenzuola fresche di bucato in estate) e infine, ma non in ultimo, l’udito (l’ascolto della storia ad alta voce).

In questo modo il momento della lettura serale diviene quell’ ”improvviso armistizio dopo il frastuono della giornata” di cui parlava Daniel Pennac e  al quale i nostri figli farebbero fatica a rinunciare. Questo momento di comunione e silenziosa intimità resterà così più facilmente nella loro memoria uno di quei ricordi di infanzia di indelebile spensieratezza e felicità.  Se riusciremo a far vivere loro questa esperienza in modo positivo, sarà sicuramente una “buona pratica” che tramanderanno anche ai loro figli.  Ricordiamoci che anche il semplice tenere in braccio il bambino mentre gli leggiamo una storia, farà sì che la lettura venga associata a un momento piacevole, a un’esperienza di intima condivisione che il bambino vorrà ripetere.”

  • Qual è il primo libro per bambini che hai comprato? E l’ultimo acquisto?

Il primo sono sincera non me lo ricordo, anche perché solitamente non riesco a comprarne solo uno, quindi come minino ne avrò comprati 4 o 5…l’ultimo che ho comprato (insieme ad altri ovviamente) si intitola “Maiali” ed è un albo illustrato molto particolare che si ispira al celebre romanzo di George Orwell “la fattoria degli animali” adatto ai bambini dai 5 anni di età. Presto lo recensirò.

  • Hai un autore o una casa editrice preferiti?

Autori /illustratori che non possono mancare nella libreria di un bambino sono senza dubbio Eric Carle, Leo Lionni, Hervé Tullet, Gianni Rodari…l’elenco è lungo ma già avere un titolo per ognuno di questi autori sarebbe ottimo. Per quanto riguarda le case editrici per bambini che consiglio e prediligo sono: Topipittori, Lapis Edizioni, Babalibri, Carthusia edizioni, La margherita edizioni, Valentina edizioni, Il castoro Edizioni, L’ippocampo edizioni, Terre di mezzo edizioni, Orecchio Acerbo, Edizioni Giralangolo, Edizioni Settenove, Minibombo edizioni. Di sicuro ne ho dimenticata qualcona…

  • Dove compri i libri? In libreria o online? Usi il reader o la carta stampata?

I libri li scelgo sempre dal vivo, alcune volte li acquisto in libreria, altre su Amazon perché spesso sono scontati e visto che non costano poco gli albi illustrati (alcuni vanno dai 15 ai 20 euro) li compro on line. Per leggere sono tradizionalista, leggo solo su carta.

  • Come scegli un libro da regalare?

D’istinto

  • Puoi svelarci la ricetta segreta per coinvolgere e fare amare la lettura ai più piccoli?

Per questa domanda ti rimando sempre al mio e-book gratuito

10 suggerimenti per far amare la lettura ai vostri figli (senza forzature)

  1. I tuoi bambini avranno presto una sorellina. Li stai preparando all’idea servendoti di qualche libro specifico?

Esattamente, questo in particolare:

QUANDO ARRIVA UNA SORELLINA (O UN FRATELLINO)

QUANDO ARRIVA UNA SORELLINA (O UN FRATELLINO)Questo libro mi piace molto perché non edulcora la pillola al bimbo che è in attesa, in questo caso, di una sorellina. In modo semplice non crea false aspettative ma prepara il fratello maggiore a quello che, con tutta probabilità, lo aspetterà. Vengono quindi mostrate anche le criticità, rinforzando però semnpre quelli che saranno i vantaggi del non essere più figlio unico.E' un libro che parla ai bambini in modo schietto e diretto, proprio come sono loro.E inoltre veicola un messaggio molto importante: con l'arrivo di una fratellino/sorellina le attenzioni di un genitore si dividono tra i due figli (è la verità) però, come ci spiega questo libro, ciò non significa che l’amore dei genitori si divida perché l'amore è infinito e quindi si moltiplica!“La mamma mi rassicurava e mi diceva che nel suo cuore e in quello di papà c'è spazio a sufficienza per me e per la sorellina, perché il loro cuore è grande come il cielo"….Se il libro ti interessa lo trovi quihttps://amzn.to/2xcsgtg

Pubblicato da Mammachelibro su Venerdì 25 maggio 2018

  • Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti (orrore!) e potessi salvarne soltanto uno quale sceglieresti?

Non so dirti un titolo al momento, sicuramente un libro che non mi stuferei a rileggere più volte…

  • La tua top 5 dei libri per bambini che non dovrebbe mai mancare in una cameretta

 Sulla Rabbia e sulle emozioni

1- NEL PAESE DEI MOSTRI SELVAGGI di Maurice Sendak

“Nel paese dei mostri selvaggi” è un classico della letteratura per l’infanzia, e che inserisco nella mia BEST LIST di libri “irrinunciabili”. Penso sia uno dei migliori libri in assoluto mai scritti sul tema della rabbia.
La rabbia è un sentimento da esplorare non da reprimere o scacciare. Il protagonista, Max, sfoga la sua frustrazione per essere stato messo in castigo dalla mamma attraverso un viaggio fantastico nel “paese dei mostri selvaggi”, che in realtà è un viaggio dentro se stesso.
Questo libro, fino ad ora INTROVABILE, è uscito in libreria il 16 gennaio scorso grazie alla ristampa di Adelphi.

2- I COLORI DELLE EMOZIONI di Anna Llenas

Far comprendere al bambino che non esistono emozioni giuste o sbagliate, ma che sono tutte giuste e che provarle è normale, è il primo passo per imparare a gestirle e attraversarle senza timore.
Imparare a dare un nome ai diversi stati d’animo, condividerli anche con gli altri, è indispensabile per sviluppare una sorta di alfabetizzazione emotiva che consentirà ai nostri figli di essere empatici anche nei confronti delle emozioni altrui.
Qual è il colore di un’emozione? “I colori delle emozioni” in modo creativo e originale, “sistematizza” i vari stati d’animo dando loro un nome.

Sul senso di appartenenza unicità di ognuno

3- PEZZETTINO di Leo Lionni

Questo è un libro che non ha età perchè è la risposta a una domanda universale: chi siamo?
Pezzettino, il protagonista del libro, crede di essere “il pezzetto” di qualcos’altro finché, dopo un viaggio alla ricerca di sé, scoprirà di bastare a se stesso e di essere semplicemente se stesso: un pezzo unico.
Un libro quindi che affronta il tema dell’ identità, dell’autostima, del desiderio di autoaffermazione e appartenenza. L’altra cosa interessante è la componente astratta: il protagonista non ha sembianze umane nè animali, ma è un semplice quadratino colorato.

Sul rispettare i tempi di ognuno….

4-Il PICCOLO GRILLO ZITTO ZITTO di Eric Carle

Il piccolo grillo zitto zitto è un libro che nella sua semplicità veicola un messaggio prezioso: ognuno ha i suoi tempi ed è inutile forzarli.  Rispettare con pazienza i nostri metabolismi interiori, infatti, ci aiuta a maturare, e prima o poi il momento giusto arriva per tutti.

Sul timore di abbandona o paura del distacco dalla mamma

5- TRE PICCOLI GUFI – Una Favola per affrontare la paura dell’abbandono
Tre Piccoli Gufi affronta uno dei timori più profondi che, più o meno direttamente, appartiene a ogni bambino: la paura dell’abbandono.
O, più semplicemente, la “paura del distacco” dalla propria madre, dal rapporto simbiotico che si è vissuto con lei nei primi anni di vita. Quindi un distacco per andare a scuola.
Inoltre, il libro mostra anche la solidarietà tra fratelli che, infondendosi coraggio a vicenda, imparano a crescere.

In ultimo consiglio di avere almeno un libro SILENT BOOK, ossia un libro di sole immagini senza parole. Un’autrice che vi consiglio è IELA MARI e in particolare due libri “L’uovo e la Gallina” oppure “L’albero”.

Questo un video su come scegliere un buon silent book

 

Ringrazio Giulia per questa intervista e per gli ottimi spunti che ci ha fornito per far amare la lettura. Ora non ci resta che andare in libreria, acquistare i primi volumi ed iniziare il viaggio  con i nostri bambini verso mondi fantastici che solo un libro ci può regalare!

 

 

 

 

Continua

GenitoriFelici non si ferma mai!

E’ finalmente disponibile online la collaborazione di cui avevo parlato sulla pagina Facebook del blog: tempo fa sono stata contattata da Radio Lombardia per intervenire sulla tematica della genitorialità nel programma radiofonico Live Social. E’ stata una giornata molto divertente e formativa, che mi ha permesso di mettermi alla prova. Io, insicura di natura, mi sono “buttata” in questa nuova esperienza cercando di dare come sempre il meglio di me.

Ecco, per chi se lo fosse perso, il video della mia intervista, che potete trovare sulla pagina fb del blog (genitorifelici Dott.ssa Paola Cannavò), sulla pagina fb dello studio di Psicologia (Psicologiagarbagnate)ed anche sulla pagina YouTube 

Buon ascolto e…fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto!

 

Continua

Fa paura la Baby Sitter? Suggerimenti per una scelta consapevole

In collaborazione con Sitly,  importante sito di riferimento nel campo del babysitting vi propongo oggi un contributo in cui discutiamo del ruolo della baby sitter, una figura che può diventare un utile supporto ai genitori. Troverete anche alcuni utili suggerimenti pratici per orientarvi meglio nella scelta del professionista più adatto alle esigenze del vostro bambino. Buona lettura.

 

 

Quante sono le mamme italiane costrette a ritmi lavorativi serrati, con poco spazio da dedicare ai propri bambini! A parte il periodo dell’allattamento, le madri tornano al lavoro a pieno regime quando i figli sono ancora piccoli. Il padre è di norma impegnato in pari o maggior misura… e se i nonni non sono disponibili? Per chi vuole attendere ancora qualche anno per inserire i propri figli al nido, l’unica soluzione resta una baby sitter. Una scelta che ha molti vantaggi, primo fra tutti il poter stabilire un rapporto diretto tra il bimbo ed una persona di riferimento, cosa che può aiutare a rassicurare il piccolo che deve fare i conti con la momentanea mancanza dei genitori.  La crescita può quindi avvenire in un ambiente sereno e conosciuto oltre all’abbassamento del rischio di contrarre malattie, così comune in un ambiente con bambini molto piccoli e a stretto contatto.

Il primo passo, dopo aver individuato l’effettiva necessità, è la scelta concreta del candidato, momento non sempre così sereno per un genitore che si trova a dover ‘cedere’ il proprio bimbo ad un estraneo. Si consiglia normalmente di organizzare un colloquio conoscitivo, seguito magari da un secondo incontro alla presenza del piccolo, per capire se c’è sintonia tra bambino e tata.

Durante questi momenti di ‘conoscenza’, prestate attenzione a come il bambino reagisce alla nuova figura che arriva in casa e a che tipo di interazione si stabilisce. Nel corso del colloquio è utile indagare alcuni aspetti. Ecco alcune domande che importanti da porre al candidato:

  • Che tipo di formazione possiede? Quali esperienze ha fatto e quali sono le sue qualifiche nel settore della cura dell’infanzia? Il livello di esperienza del candidato è molto importante e va valutato con attenzione: una ragazza giovane avrà pregi e difetti rispetto ad una baby sitter matura che lavora da 5 o 10 anni
  • sarebbe disponibile e dimostra di avere le competenze nell’ occuparsi di più di un bambino?
  • Qual è la sua disponibilità oraria e il luogo di residenza? Quest’ultimo aspetto può rivelarsi importante in caso di necessità impreviste ed immediate
  • Conosce le manovre di primo soccorso? (indispensabili per intervenire con tempestività in caso di emergenza)

Altri aspetti che potrebbero essere sondati riguardano la conoscenza di lingue straniere o la disponibilità ad occuparsi anche delle pulizie della casa. Si può poi passare a parlare degli aspetti più “logistici”, quali la definizione di un eventuale contratto di lavoro, lo stabilire alcune regole generali (es: non si usa il cellulare durante le ore di lavoro) e le modalità di pagamento.

Per sondare le competenze pedagogiche del candidato, potete chiedere:

– Cosa significa educare un bambino?

– Che tipo di giochi si è soliti fare (in base all’età)?

– E’ importante portare i bambini al parco? Se la sente?

– Cosa pensa della televisione?

– Quanto è importante la creatività per un bambino?

Una volta fatta la selezione, inizia la prova, sempre consigliata per offrire la possibilità a tutti di abituarsi. Il distacco deve essere graduale, sia per la madre che per il bambino: la mamma inizialmente dovrebbe assentarsi per un’ora, due, per poi arrivare alla mezza giornata e oltre. L’atteggiamento del genitore è fondamentale dato che il bimbo percepisce subito la preoccupazione dell’adulto: se la mamma o il papà non sono convinti sicuramente anche il bambino sarà poco propenso ad accogliere una nuova figura in casa. Viceversa, una volta fatta la scelta di affidarsi ad una baby sitter il consiglio è quello di essere sereni:

I bambini hanno tutte le capacità di affrontare una nuova situazione e va data loro fiducia

Inoltre è consigliabile:

dimostrarsi decisi: la gradualità del distacco è importante ma questo non significa tentennare;

essere chiari con i bambini, soprattutto se già grandicelli. Bisogna spiegare il perché della nuova situazione;

non provare sensi di colpa: rivolgersi ad una baby sitter spesso significa migliorare la qualità del tempo trascorso con i propri figli;

essere comunque empatici: drizzare le antenne su eventuali reazioni apparentemente incomprensibili del bambino non è sbagliato. Cosa ci vorrà dire? C’è qualcosa che dobbiamo sapere?

Continua

bentornati sul blog! Infografica su come affrontare il primo giorno di scuola

Le vacanze sono purtroppo finite (almeno per me!) e con il rientro riprende anche la consueta attività del blog genitorifelici. Si ricomincia con nuovi articoli, contenuti e video interessanti sul mondo della genitorialità e del bambino. Inauguriamo l’inizio del mese di settembre  con una colorata infografica per dare qualche spunto di riflessione ai genitori che si ritrovano a vivere l’emozionante momento dell’ingresso in una nuova scuola da parte dei propri figli.

Come affrontare al meglio il primo giorno di scuola? Che emozioni accompagnano la mente del bambino? Come possiamo noi genitori aiutare in questo delicato passaggio?

INFOGRAFICA il primo giorno di scuola

Continua

Autismo: stereotipie ed interessi ristretti (seconda parte)

Buongiorno a tutti e ben ritrovati sul blog genitorifelici. Oggi concludiamo l’articolo iniziato lunedì scorso, approfondendo il particolare rapporto che molti autistici hanno con il mondo dei 5 sensi e parlando di come questa patologia influenza la capacità intellettiva. Potete trovare gli altri approfondimenti relativi a questa tematica cliccando QUI, QUI e QUI

Molti individui autistici sembrano soffrire di un’alterazione di uno o più sensi, che quindi può coinvolgere il sistema uditivo, visuale, tattile, gustativo, vestibolare, olfattivo. La percezione sensoriale può essere ipersensibile, iposensibile o può provocare al soggetto interferenze (ad esempio il “tinnitus”, un ronzio o campanellio persistente alle orecchie). Come conseguenza, per gli individui autistici può essere difficile elaborare correttamente l’informazione sensoriale e sopportare stimoli normali.  Ecco perchè a volte alcuni autistici sono sulla difensiva dal punto di vista tattile ed evitano tutte le forme di contatto corporeo. Altri hanno poca o nessuna sensibilità al dolore, o ancora amano una forte pressione corporea. Le attività di esplorazione degli oggetti e le buone abilità manuali dei bambini autistici suggeriscono che la loro sensibilità aptica (ovvero quella che riguarda la capacità percettiva delle dita delle mani) sia buona, e forse addirittura superiore alla norma.

Vi è poi l’ipersensibilità uditiva: circa il 40% degli autistici sono in forte disagio quando esposti a certi suoni o frequenze. Spesso si coprono le orecchie o si infuriano dopo aver udito il pianto di un bambino o il suono di un motore. In contrasto, a volte sembrano non rispondere ai suoni. In alcuni casi il bambino, dopo aver ignorato rumori molto forti, si gira per localizzare la fonte di un rumore lieve che ha attratto la sua attenzione.

Riguardo alla percezione visiva, in alcuni bambini con autismo è stato riscontrato un comportamento peculiare, le cui cause non sono ancora state chiarite, che consiste nel guardare gli oggetti “obliquamente” anziché frontalmente.

Questo insieme di situazioni deficitarie è confermato anche nelle autodescrizioni di persone autistiche in grado di descrivere le proprie sensazioni (che sono purtroppo un’assoluta minoranza). Così scrive Temple Grandin relativamente alla percezione uditiva:

“… per me udire è come avere un amplificatore bloccato al massimo. Le mie orecchie sono come microfoni che captano ed amplificano i suoni… non riesco a modulare la stimolazione uditiva. Ho scoperto che potevo interrompere i rumori fastidiosi dedicandomi a comportamenti autistici, stereotipati e ritmati…”[1].

La stessa autrice evidenzia con efficacia anche i suoi problemi nella percezione tattile:

“ Io indietreggiavo quando gli altri cercavano di abbracciarmi, perché il contatto provocava l’irrompere penoso di un maremoto di stimolazioni attraverso il mio corpo …a farmi evitare l’abbraccio era la sovrastimolazione sensoriale, non la collera o la paura. Lievi pruriti o sfregamenti erano per me una tortura. Una gonna che mi grattasse la pelle mi sembrava carta vetrata che mi scorticava…era un problema anche adattarmi agli abiti nuovi.”.

Gunilla Gerland sottolinea nella sua autobiografia  come da bambina le sensazioni che provenivano dal suo corpo fossero particolari e difficilmente controllabili:

“la superficie dei miei denti era incredibilmente sensibile e, se anche solo veniva sfiorata, potevo sentire come una scossa elettrica… Il mio cervello percepiva solo informazioni confuse dal resto del corpo ed io dovevo utilizzare la vista per capire bene cosa stesse succedendo. Tanto più una parte del mio corpo era lontana dal cervello, tanto più le sensazioni erano indistinte…la pianta del piede era l’unico punto dove io potessi tollerare un contatto, che poteva anche arrivare a farmi piacere, proprio per il fatto di essere tanto vago…”[2].

Oltre alle problematiche connesse alle diverse vie sensoriali, Donna Williams segnala anche una difficoltà nell’integrazione delle diverse sensazioni:

“la maggior parte delle persone può elaborare informazioni in modo efficiente e continuativo, attraverso più di un canale sensoriale contemporaneamente… quando si sintonizzano sul significato di ciò che stanno ascoltando, continuano a capire il significato di ciò che vedono e sentono emotivamente e fisicamente… Le persone autistiche possono invece funzionare in “mono”: per queste persone…l’elaborare il senso di ciò che stanno ascoltando mentre qualcuno li tocca, può significare non avere alcuna idea di dove siano toccati o di cosa pensino o sentano in quel momento.”[3].

Circa il quoziente intellettivo, emergono situazioni diverse, con profili particolari e disomogenei. In alcuni casi di autismo si ha l’impressione di una buona intelligenza , mentre in molti altri esiste un evidente difetto intellettivo. Un aspetto della patologia autistica che merita attenzione è poi costituito dal fatto che

nonostante un’intelligenza generalmente bassa, è possibile in alcuni individui una prestazione sorprendentemente alta (spesso superiore rispetto alle persone intellettivamente dotate) in certe abilità isolate, che rende questi soggetti dei veri “Idiots savants”.

Spesso il comportamento dei bambini affetti da autismo rivela delle capacità fuori dall’ordinario, talvolta persino dei talenti rari.  Questo è uno dei più sconcertanti temi della psichiatria infantile. Già Kanner aveva coniato il termine “isolotti di capacità” affermando che:

“il sorprendente vocabolario dei bambini che parlano, l’eccellente memoria per eventi accaduti anni prima, la fenomenale memoria meccanica per le poesie e i nomi e il preciso ricordo di figure e sequenze complesse sono l’indizio di una buona intelligenza.”.

Le competenze che si manifestano nella sindrome del savant si esprimono in  abilità prevalentemente non simboliche, artistiche, visive e motorie, con particolari capacità di memorizzazione e apprendimento, ad esempio riguardo ad argomenti sui quali è focalizzato l’interesse del bambino. La memoria è profonda, focalizzata e basata sulla recitazione abituale, ma non comporta la comprensione di ciò che viene detto. I casi di “idiots savants” sono comunque estremamente rari.

[1] Grandin, T, (1984). My experiences as an autistic child and rewiew of related literature. In <<Journal of orthomolecular psychiatry>>, 50, pp. 441 – 8

[2] Gerland, G.(1999). Una persona vera. Diario di una giovane autistica. Phoenix, Roma

[3] Williams, D.(1998). Il mio e il loro autismo. Armando ed, Roma

Continua

autismo: stereotipie ed interessi ristretti (prima parte)

Eccoci arrivati all’ultima tappa di questo percorso dedicato alla patologia autistica: oggi approfondiamo il secondo criterio richiesto dal DSM-V per stabilire  l’insorgenza dell’autismo, ovvero la presenza di Comportamenti e/o interessi e/o attività ristrette e ripetitive. Il discorso è ampio e merita di essere approfondito, quindi ho deciso di dividere l’articolo in due parti. La seconda e ultima parte verrà pubblicata giovedì prossimo. Buona lettura!

ATTIVITÀ RIPETUTE E RESISTENZA AL CAMBIAMENTO

Si assiste nei bambini autistici alla mancanza di giochi di simulazione spontanei, o di giochi di imitazione sociale adeguati al livello di sviluppo. Alcuni bambini non usano oggetti in miniatura, quali animaletti o bamboline, per i loro giochi simbolici. Altri li usano in modo meccanicamente ripetitivo, senza mostrare un gioco flessibile e rappresentativo. Alcuni allineano oggetti in fila, altri li radunano semplicemente senza nessuno scopo apparente. Molti autistici sono affascinati in modo eccessivo da parti di oggetti. Giocano con lacci, elastici, metri o fili elettrici. I più piccoli amano spesso giocare con l’acqua, in particolare si divertono a trasferirla in modo ripetitivo da un contenitore all’altro. Un ulteriore passatempo è quello di passare lungo tempo a girare le ruote di una macchinina o di guardare ventilatori in funzionamento, mentre il bambino stesso ruota su se stesso fino a cadere dallo stordimento. Si tratta comunque nella maggior parte dei casi di oggetti duri e meccanici, che si possono far girare o dondolare in azioni rigide e devitalizzate, mentre spesso il bambino può mostrare un rifiuto per gli oggetti morbidi, come i peluches.

Un esempio classico della mancanza di gioco appropriato è il bambino verbale di età prescolare che gioca recitando in modo ripetitivo una parte della scena tratta da “La Bella e la Bestia”, mentre manipola in sequenza i personaggi accordandoli in modo rigoroso al copione. Quando gli vengono dati gli stessi personaggi con l’istruzione però di fare un gioco diverso, lo stesso bambino è incapace di creare un qualunque altro scenario di gioco. Il momento ludico è privo di significati simbolici e di immaginazione.

Un altro tratto caratteristico è la dedizione assorbente ad uno o più tipi di interessi ristretti, stereotipati e ripetitivi. Così verrà formulata in continuazione la stessa domanda, senza curarsi della risposta fornita,o i giochi saranno altamente ripetitivi (aprire e chiudere le porte, i cassetti, accendere e spegnere la luce).

“…mi piaceva la ripetitività. Quando accendevo la luce sapevo che cosa sarebbe successo: se giravo l’interruttore la luce si accendeva e questo mi dava una bellissima sensazione di sicurezza, perché avveniva sempre la stessa cosa…Le persone mi annoiavano perché non sapevo a che cosa servissero e che cosa mi avrebbero fatto. Non erano mai le stesse e non provavo alcuna sicurezza a stare con loro.” (Sean Barron).

Si evidenzia poi una sottomissione del tutto rigida ad inutili abitudini o a rituali costanti, con un’estrema intolleranza nei confronti dei cambiamenti e delle frustrazioni. Così racconta Gunilla Gerland:

“non mi piacevano le sorprese, mai. Non volevo essere presa di sorpresa. Se volevo avere la possibilità di risolvere una situazione, non dovevo incontrare degli imprevisti. Potevo essere felice di ricevere dei regali, ma non sopportavo di non sapere in cosa consistessero. Per questo motivo il regalo che preferivo era quello che ricevevo ogni Natale… quel regalo stava lì Natale dopo Natale: era un grande barattolo di ananas.”.

 Molti bambini autistici sono così tanto coinvolti mentalmente con la “struttura costante” (sameness) degli ambienti in cui vivono, o con pratiche di routines, che nulla può essere cambiato senza far esplodere una reazione di collera o un altro disturbo emozionale. Così, ad esempio, alcuni autistici possono insistere che tutti i mobili di casa rimangano nella stessa posizione, o che tutti i vestiti siano di un particolare colore; altri possono mangiare solo da un particolare piatto o in una specifica stanza.  Questa inflessibilità può essere estesa anche alla routine familiare, per esempio prendendo solo una certa strada per andare a scuola, o entrando dal fruttivendolo solo passando da una specifica porta.

Una possibile ragione per questa insistenza sulla ripetitività potrebbe essere l’incapacità di comprendere e di confrontarsi con nuove situazioni. È possibile presumere che, attraverso la mancanza di comprensione, molti autistici imparino il mondo “a memoria” e che la continua riscoperta di un mondo prevedibile dia loro un senso di sicurezza: l’ordine permane.

I manierismi motori stereotipati e ripetitivi (le cosiddette “manovre autistiche”) costituiscono un ulteriore tratto caratteristico di questi soggetti: i bambini battono le mani o sbattono le braccia ogni volta che sono eccitati o innervositi, corrono senza direzione e scopo, fanno giravolte, digrignano i denti. Molti effettuano il movimento detto “ad altalena”, che consiste in un oscillazione continua del busto dalla posizione seduta o in piedi. Alcuni bambini mettono in atto comportamenti autolesivi, come infliggersi colpi sul capo, tirarsi i capelli, morsicarsi le mani. Altri possono battere semplicemente il dorso della loro mano in modo ripetitivo, attuando così un manierismo molto meno intrusivo.

Continua